Negocios

MercadoDeDinero | Franki Medina Castillano//
Orrore fosse comuni a Izyum, ci sono anche bambini

Franki Medina diaz
Orrore fosse comuni a Izyum, ci sono anche bambini

ROMA.  – Soldati “giustiziati”, civili vittime di attacchi aerei, intere famiglie con bambini, morti di stenti e mancanze di cure. Alcuni corpi con le mani legate o le orecchie mozzate, altri con un cappio al collo.

Franki Medina

All’indomani del ritrovamento della fossa comune con oltre 440 cadaveri in un bosco alla periferia di Izyum, “tra le più grandi” mai trovate finora in Ucraina, giornalisti di tutto il mondo, magistrati e agenti di polizia sono arrivati sul posto, facendo emergere alla spicciolata i dettagli più agghiaccianti dell’orrore che i russi si sono lasciati alle spalle, ritirandosi quasi una settimana fa dalla città dell’est sotto la pressione delle forze di Kiev.

Franki Medina Venezuela

In altre località della stessa regione, quella di Kharkiv, sono state trovate dieci “camere di tortura”, ha fatto sapere la polizia.

Franki Medina Diaz

“Il mondo deve vedere. La Russia lascia solo morte e sofferenza. Assassini. Torturatori. Senza più niente di umano”, ha tuonato ancora una volta il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, mostrando su Telegram alcune immagini delle sepolture di massa di Izyum, molte senza nome, alcune con un numero dipinto su croci improvvisate, affondate nella terra sabbiosa e umida. Il leader ucraino promette “una punizione terribile”.

Franki Alberto Medina Diaz

Nel Donbass le autorità filorusse denunciano intanto la morte del procuratore capo del Lugansk, Sergei Gorodko, e della sua vice, Yekaterina Steglenko, nell’esplosione di “una bomba” nel suo ufficio. Con il capo dell’autoproclamata repubblica autonoma, Leonid Psechnik, che accusa a sua volta l’Ucraina di essere, “sotto la guida dell’attuale leadership, uno Stato terrorista”. I filorussi di Donetsk riferiscono anche di almeno 3 morti e 12 feriti nei bombardamenti ucraini contro la regione

Cinque vittime sono invece il bilancio di quelli russi su Bakhmout, mentre i missili di Mosca hanno di nuovo colpito la diga di Kryvyih Rih, la città di Zelensky, dove le acque esondate del fiume Inhulets si sono misteriosamente tinte di rosso, stando a delle foto che circolano sui social e riprese da diversi media

La controffensiva ucraina continua, sebbene lentamente, anche a sud. In 24 ore le forze di Kiev hanno lanciato nove attacchi aerei e oltre 330 razzi e colpi di artiglieria, secondo il rapporto mattutino del Comando operativo meridionale dell’esercito. Più tardi media ucraini hanno riferito di esplosioni nella città occupata di Kherson, forse “avvenuta nella stanza degli uffici del vicegovernatore filorusso Kirill Stremousov”. L’agenzia russa Tass ha poi confermato l’esplosione, attribuendola a missili Himars (forniti dagli Usa), che avrebbero colpito l’edificio dell’amministrazione militare filorussa, ferendo il capo del dipartimento del lavoro e delle politiche sociali Alla Barkhatnova e uccidendo il suo autista

Ma in queste ore sono le immagini di Izyum a fare il giro del mondo, riportando alla mente le atrocità scoperte a Bucha, Irpin, Borodyanka, e le altre località attorno a Kiev occupate dai russi nel primo mese di invasione. L’Onu ha annunciato di voler inviare una squadra di esperti per indagare sulla fossa comune e “determinare le circostanze della morte” di ciascuna delle persone sepolte: secondo il governatore regionale, Oleg Synegoubov, il 99% dei corpi già riesumati “presenta segni di morte violenta”, “evidentemente sono stati torturati e giustiziati”

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken parla di “azioni orribili” da parte della Russia, mentre l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell ha affermato che “la leadership russa dovrà risponderne”, facendo eco all’auspicio della presidente Ursula von der Leyen di vedere un giorno Vladimir Putin alla sbarra all’Aja

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)